APPROFONDIMENTI

lA Piattaforma informatica

"emapp" l'applicazione per android

Modalità di connessione di EmApp:

  • INTERNET , tramite il combinatore GSM G500-Net
  • INTERNET , tramite connessione diretta a RETE LAN
  • DIRETTA , tramite cavo OTG USB/RS232
  • WI-FI , tramite l’interfaccia wi-fi del quadro QNCP

EmApp è un software per monitoraggio ed il telecontrollo dei quadri di manovra tramite connessione INTERNET (tramite GSM o rete LAN), Wi-Fi o via CAVO, disponibile anche come APP per smartphone.
Consente il monitoraggio da remoto dell'impianto, l'invio di comandi e la visualizzazione sullo telefono di schemi elettrici, manuali, elenco codici errore.

  • Funzionalità di EmApp:
  • Monitoraggio dell’impianto con visualizzazione grafica dello stato
  • Invio comandi da remoto al quadro connesso
  • Download ed analisi degli eventi memorizzati nel quadro
  • Aggiornamento dei parametri di funzionamento del quadro QNCP
  • Help immediato sull’interpretazione dei codici di errore (sincronizzati con il cloud Ematic)
  • Ricezione notifiche informative dal mondo Ematic in tempo reale
  • Accesso ai servizi cloud Ematic tra cui: visualizzazione e sincronizzazione degli schemi elettrici, documentazione tecnica e amministrativa e immagini per ciascun quadro di manovra.

alcuni screenshot di "emapp"

L'ARCHITETTURA DEI QUADRI QNCP

I nostri quadri sono realizzati in armadio metallico con coperchio verniciato a polveri epossidiche con fori di fissaggio superiori ed inferiori ad invito.
All'interno dell'armadio troviamo:

  • Alimentatore per i circuiti di bordo e per i dispositivi esterni (display, bottoniere, ecc.), dotato di idonea protezione contro i corto circuiti.
  • Scheda a microprocessore ad alta immunità ai disturbi esterni e con circuito stampato a 4 strati.

Questa scheda è capace di elaborare direttamente i segnali provenienti dal vano in tutta sicurezza, è dotata di ingressi specifici secondo la norma EN-81 per quanto riguarda la gestione dei circuiti di sicurezza.

Il software (firmware) di bordo – prodotto sempre da Ematic – è in continua evoluzione anche su specifica del cliente, ed è facilmente aggiornabile con la semplice sostituzione di una memoria interna (Eprom).

Tutti gli eventi che durante il funzionamento dell'ascensore hanno una rilevanza per la gestione dell'assistenza tecnica e sono memorizzati all'interno della scheda anche in caso di mancanza di energia elettrica. Per ognuno di questi eventi memorizzati sono riportati i dati temporali (data e ora).

L'accesso ai dati di programmazione che caratterizzano ciascun impianto, sono modificabili tramite un tastierino a 4 pulsanti e 2 display a 7 segmenti a bordo scheda.

I parametri di programmazione sono raggruppati per tipologia di funzionamento e facili da ricordare.

La nostra scheda ha la capacità di gestire direttamente i relè ausiliari ed i teleruttori principali di marcia.

All'interno del quadro trova posto una idonea morsettiera ad innesto rapido per i segnali verso il vano di corsa e la cabina e una serie di morsetti per il collegamento al motore e alla linee di alimentazione.

I morsetti sono identificabili da etichette con colorazione diversa, in modo da semplificare le operazioni di installazione e di ricerca guasto.

I nostri quadri di manovra vengono consegnati al cliente con tutti i parametri di funzionamento già preimpostati come da specifiche fornite in fase di ordine. Stessa procedura viene applicata all'inverter che gestisce il motore che viene fornito programmato secondo i dati di progetto dell'impianto.

ampia gamma di predisposizioni

  • Configurazione impianti in batteria: da simplex a sestuplex ;
  • Manovra: universale (PB), prenotazione discesa (DC) e prenotazione completa (FC);
  • Gestione in configurazione base di 12 fermate in PB e 8 piani in FC espandibili mediante apposite schede;
  • Azionamento: 2 Velocità, VVVF, Idraulico;
  • Potenze supportate fino a 50 kW;
  • Porte manuali, semiautomatiche, automatiche;
  • Sistema automatico di riporto al piano (per mancanza di alimentazione) a bordo quadro;
  • Altre caratteristiche:
  • Batteria allarme 12V;
  • Connessione di display paralleli/seriali;
  • Protezione motore con termistori;
  • Controllo sequenza, mancanza fasi;
  • Altre manovre disponibili:
  • Manovra vigili del fuoco;
  • Manovra preferenziale;
  • Parcheggio della cabina programmabile per fermata e fascia oraria.

la scheda "elsa"

  • Microprocessore di bordo a 16 bit – 40 Mhz;
  • Flash EPROM da 512 Kb, Big-Ram da 1 Mb, Eeprom da 8 Kb;
  • Segnalazione a LED di tutti i segnali digitali in ingresso ed in uscita;
  • Watch-dog, sistema di controllo per il riavvio automatico del software di bordo in caso di stallo involontario;
  • Orologio di bordo per la gestione di data, ora e giorno della settimana;
  • Due porte seriali a bordo per l'interfacciamento con altri sistemi;
  • Uscite con sistema di protezione per ogni canale delle luminose contro sovraccarichi e cortocircuiti;
  • In caso di guasto di un ingresso/uscita, è possibile riassegnare tale funzionalità in un'altra posizione libera della morsettiera, semplicemente modificando un parametro software;
  • Gestione diretta dei circuiti di sicurezza con alimentazione fino a 110 V ac/dc.

alta flessibilità del software di bordo

Variando un solo parametro di bordo è possibile definire il tipo di manovra:

  • Universale,
  • A prenotazione,
  • Solo da cabina,
  • Solo in discesa,
  • A prenotazione completa.

La procedura di rifasamento è ottimizzata per spostamenti minimi, scegliendo a quale dei due piani estremi effettuare la manovra. A richiesta si può scegliere di non stazionare al piano di reset .
La gestione di piani di stazionamento
è molto flessibile in quanto è prevista la possibilità di averne diversi in funzione dell'orario giornaliero.
Per esempio, nel caso di un condominio, visto che generalmente di mattina il maggiore traffico è in uscita, si può fare stazionare la cabina al piano alto, mentre al contrario la sera la cabina si fa stazionare al piano basso.
È possibile evitare ripetizioni degli stessi malfunzionamenti per alcuni errori occorsi in un particolare piano (blocchi e/o preliminari difettosi, conteggio errato, ecc.) il sistema può essere programmato in modo da escludere automaticamente le richieste di chiamata a quel piano.
Adattamento a circuiti già esistenti . Il software prevede la possibilità di programmare la diversa logica dei contatti da interfacciare al quadro (fondo mobile, pieno carico, sovraccarico, fotocellula, ecc.).
E' possibile programmare la logica di gestione delle luminose di cabina (visualizzazione della posizione, del piano di destinazione, delle prenotazioni) indipendentemente dalla presenza di display e la logica di gestione delle luminose di piano (visualizzazione di “Presente”, “In Arrivo”, “Occupato/In Arrivo”, “Presente lampeggiante”).
Flessibilità nella visualizzazione della posizione dell'impianto . Per ogni piano è possibile programmare le due cifre da visualizzare sul display senza alcuna ulteriore richiesta.
La gestione del doppio accesso è interamente programmabile da parte dell'operatore che può autonomamente decidere la combinazione da rispettare nell'apertura per ogni singola fermata.
Per ogni direzione è possibile definire una differente durata che determini il livello di fermata. Questo semplifica l'operazione di posizionamento dei magneti e garantisce la stessa posizione di fermata nelle due diverse direzioni.
Il controllo delle porte di cabina è ottimizzato grazie alla gestione di tempi e tentativi ripetuti di apertura/chiusura.
Assegnazione delle funzioni  previste dal quadro su ogni morsetto programmabile dall'installatore.
Possibilità di proteggere le prenotazioni mediante codice PIN componibile direttamente con i pulsanti di chiamata della pulsantiera di cabina.
Programmazione di gruppo di ingressi/uscite per funzioni utili per il remotaggio dei segnali.
Regolazione del livello di fermata da cabina utilizzando i pulsanti di chiamata .
Il software di bordo prevede una funzione che consente di verificare se all’interno di tutti i parametri vi sono incongruità che compromettono il funzionamento del quadro di manovra.

Share by: